Legapass

Accedere agli account internet di un parente deceduto?

Cosa succede ai dati personali quando un parente muore: l'erede può accedere agli account internet?

L'era digitale è parte integrante della nostra vita. Ogni giorno consultiamo le nostre applicazioni bancarie, le e-mail e i social network tramite Internet.

Quando un parente muore, il notaio è tenuto a fare un inventario dei beni mobili e/o immobili del parente.

La sua vita digitale: le sue pubblicazioni, gli abbonamenti, la pagina Facebook, l'account Twitter, i pagamenti online. Tutti i suoi dati personali rimangono accessibili al maggior numero di persone.

Senza protezione, il rischio di furto d'identità è importante.

Si pone quindi la domanda: l'erede può accedere agli account Internet per recuperare o cancellare i dati digitali del parente deceduto?

 

 

L'erede digitale designato come persona di fiducia

Articolo 63 della legge del 7 ottobre 2016 per una Repubblica digitale chiamato Legge Lemaireè unico in quanto è dedicato alla diritto alla morte digitale.

Nel corso della sua vita, ogni individuo è in grado di definire "b) dargli istruzioni sulla conservazione, la cancellazione e la divulgazione dei suoi dati personali dopo la sua morte..

In questo modo, il suo parente ha preso l'iniziativa durante la sua vita di realizzare un testamento.

Tutte le informazioni sui suoi beni digitali (documenti, foto, account internet) sono ora assegnate a lei.

Il suo dovere è quindi quello di rispettare le sue ultime volontà seguendo istruzioni generali sul set di dati, oppure Istruzioni speciali che riguardano solo alcuni elementi.

Se, ad esempio, il suo parente aveva un account Facebook, lei diventa un "Legato di contatto",  Google la vede come un Il "Gestore di conti inattivi", Per quanto riguarda Twitter, la piattaforma accetta semplicemente di eliminare l'account.

 

 

L'accesso ai dati personali è condizionato per gli eredi senza direttive anticipate.

In linea di principio, la creazione di un account su Internet è il risultato di una atto strettamente personale - chiedendo il rispetto della privacy, il diritto all'immagine e la segretezza della corrispondenza.

Pertanto, in qualità di erede, vicino al defunto, non può avere accesso ai suoi conti.

In assenza di istruzioni da parte del defunto (login e password), la legge Lemaire consente agli eredi di "per accedere al trattamento dei dati personali, "per ottenere la comunicazione di informazioni utili per la liquidazione e la ripartizione dell'eredità., "di procedere alla chiusura degli account utente del defunto. e "per farli aggiornare"..

Gli eredi hanno quindi il diritto di accesso, opposizione e rettifica.

Affinché un erede possa compiere questi passi, è necessario prima ottenere una certa quantità di informazioni:

- Recupero del certificato di morte e del certificato di notorietà
- Elenca i diversi account internet utilizzati (Twitter, Facebook, Instagram, Google, Gmail, applicazioni, forum...),
- Riferisca il decesso ai responsabili del sito,
- Compilazione di moduli per rendere il conto inattivo.

 

 

Un notevole onere amministrativo per la protezione dei dati del defunto.

Anche se Legge di Lemaires Per consentire agli eredi di accedere al trattamento dei dati del parente deceduto, è necessario prendere in considerazione una serie di formalità, affinché un account internet inattivo possa essere cancellato o diventare un account commemorativo.

 

➡ Il primo passo è trovare i moduli per ogni sito:

- Sulla pagina Twitter: clicchi sulla voce "Informazioni sulle persone decedute.
- Sulla pagina Facebook: clicchi sulla voce " Gestione del conto di una persona deceduta " .
- Nella pagina di Google: clicchi sul pulsante "Invia una richiesta per un utente deceduto Responsabile del conto inattivo".
- Nella pagina di Outlook: clicchi sul pulsante "L'accesso a Outlook.com, OneDrive e altri servizi Microsoft in caso di decesso .
- Nella pagina di LinkedIn: clicchi sul pulsante "Eliminazione del profilo di un membro deceduto di LinkedIn .
- Nella pagina di Yahoo: clicchi sul pulsante "Opzioni disponibili quando il titolare di un account Yahoo muore.
- Sulla pagina Instagram: clicchi sul pulsante "Segnalazione dell'account di una persona deceduta su Instagram"..

Ogni sito ha una pagina di aiuto per facilitare la ricerca del modulo.

 

➡ Il secondo passo consiste nell'inviarle

Un certificato di morte (per dimostrare la morte del suo parente),
Un atto di notorietà (per verificare che lei sia un erede),
Una copia della carta d'identità o del passaporto .

Gli account Internet saranno quindi cancellati (a meno che il defunto non specifichi diversamente nel suo testamento), disattivati o associati a un account commemorativo (Facebook consente agli amici del defunto di commemorare il defunto sulla sua pagina per conferirgli l'immortalità digitale).

Se, invece, il trattamento dei dati del defunto non è stato rispettato, e se è lesivo della sua memoria, della sua reputazione o del suo onore, l'erede ha diritto a intraprendere un'azione legale .

La procedura da seguire è la seguente:
- Vada alla Commissione nazionale per l'informatica e le libertà civili. (CNIL),
- Presentare un reclamo sul sito web,
- Richiesta di appello alla Corte Suprema (TGI),
- Avviare un procedimento sommario - per ordinare una misura provvisoria.

Tuttavia, queste procedure rimangono lunghe e complesse. Circa 80% dei francesi ne sono consapevoli, ma pochi li gestiscono (obbligo di mezzi ma non di risultati).

 

 

La soluzione Legapass per conservare i dati del defunto e facilitare l'eredità digitale

Per evitare tutti questi passaggi, esiste una soluzione per mantenere i beni digitali (foto, e-mail, social network, neo-banche, criptovalute) aggiornati e totalmente sicuri: Legapassper prepararsi in modo sicuro alla successione digitale.

È disponibile una cassaforte digitale "offline" (senza connessione a internet) per conservare i codici di accesso e le password in un luogo sicuro. Tramite una connessione remota, la trasmissione e l'aggiornamento degli identificatori possono essere effettuati in qualsiasi momento.

Il sito è sicuro - i dati personali vengono memorizzati in modo permanente.
Tutte le informazioni riservate vengono crittografate - utilizzando algoritmi di crittografia di livello militare. Ciò significa che nessuno ha accesso ai dati riservati, nemmeno Legapass.

Legapass garantisce anche un trasferimento sicuro di questo patrimonio digitale agli eredi.

Una volta verificate le informazioni dei legatari, un processo automatico delegherà tutti i dati riservati dalla cassaforte "offline".

Il principio è quindi semplice: Durante la sua vita, trasmette ciò che desidera affidare ai suoi eredi..

Gratuito e sicuro!

it_ITItaliano